Google Reader rinnova design e funzioni

Google Reader Logo A poco meno di un anno dal rilascio di Google Reader, Google rilascia un eciso ed importante aggiornamento all'intera piattaforma dell'aggregatore online.

Le intenzioni sono di trasformare il lettore di feed in Your inbox for the web, scrive Google sul suo blog ufficiale, ovvero di rendere l'aggregatore il più possibile vicino al concetto di una casella di posta dove i messaggi sono rappresentati dai contenuti dei feed.
Guardando la nuova struttura di Google Reader non è certo difficile notare la strettissima somiglianza della nuova interfaccia con GMail, la casella di posta elettronica multigiga che ha lasciato un segno nella storia del web.

La nuova interfaccia, dicevo, è una sorta di via di mezzo tra Bloglines e GMail.
La lista dei feed è disponibile in modalità estesa oppure in vero e proprio stile GMail.

Google Reader Extended View

Google Reader List View

A lato la barra delle opzioni introduce la visualizzazione del numero di item non ancora letti e, colpo di scena, l'organizzazione dei feed in cartelle.
Per la prima volta Google abbandona il concetto di Label introdotto con GMail a favore dell'organizzazione in cartelle. Poco cambia in realtà poiché a tutti gli effetti una cartella è una singola label, tuttavia in più la cartella ha la proprietà di non potersi sdoppiare ed un feed potrà essere inserito solo in una cartella alla volta o in una sottocartella.

Per gli amanti del concetto di label vecchio stile, Google Reader non dimentica il supporto per i tag. E' possibile associare un feed ad uno o più tag così come i singole item.

Oltre alla visualizzazione generale anche il pannello dei singoli item è notevolmente migliorato.
Tra le opzioni disponibili ora è possibile inviare una news via email, aggiungere tag personalizzati o condividere l'item pubblicamente.

Google Reader Item View

Un'opzione attivata in modalità predefinita si occupa di segnare automaticamente come letti gli item in fase di visualizzazione della lista, man mano si "scrolla" la lista delle news. Per chiarire, è un po' come la funzione di Outlook 2003 che segna automaticamente come lette le email man mano che le si scorre in visualizzazione anteprima.
Quest'opzione è disattivabile dal pannello di controllo così come, sempre via pannello, è possibile ritornare alla vecchia interfaccia.

Google Reader Preferences

L'ultima tra le novità più rilevanti è la funzione di condivisione dei contenuti.
E' possibile condividere pubblicamente qualsiasi elemento di un feed semplicemente premendo il bottone Share presente al fondo del box di lettura.
Una volta condivise le novità vengono pubblicate in una pagina personale utente, ecco ad esempio la mia, dotata anche di un feed.

Google Reader Share

Per pubblicizzare il vostro angolo condiviso è possibile sfruttare il pannello che permette di generare Clip da inserire nel proprio sito, come quello seguente.

Il nuovo Google Reader è molto più di una leggera evoluzione del precedente, è di fatto una versione quasi completamente rinnovata rispetto al prodotto precedente.
E' migliorato sotto molti aspetti, in particolare lato usabilità ed organizzazione dei contenuti.
Ha integrato prodotti esterni come GMail introducendo la segnalazione di item e copiandone l'organizzazione delle informazioni.
Voci di corridoio non escludono una futura fusione con GMail ed altri servizi come Google Calendar, Google SpreadSheet o, auspicabile, il motore di ricerca Google Blog Search.

Se volete vedere un breve video introduttivo sul nuovo Google Reader Chris Wetherell, uno degli sviluppatori del programma, vi spiegherà il nuovo concetto Your inbox for the web attraverso un Google Video.